Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per Maggiori informazioni, puoi leggere la nostra Privacy Policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L'Associazione, costituita da famiglie di disabili intellettivi e relazionali, dopo aver ristrutturato la "casa padronale" di Villa Bellini (460mq), conta ancora sull'aiuto di privati ed istituzioni per portare avanti un nuovo progetto: fare di una casa colonica (1600mq) un centro polifunzionale per i disabili. L'impresa è ardua, ma il centro sarebbe un valido aiuto per l'intera città di Ancona, oltre che per i disabili e le loro famiglie.
Villa Bellini è composta da sala ricreativa, sala riabilitazione, sala da pranzo, cucina, 6 camere da letto (di cui due singole), 6 bagni (di cui 4 attrezzati), infermieria, stanza per il personale e ufficio, con ascensore portalettiga. I costi che l'associazione ha dovuto affrontare superano i 700.000 euro, ancora maggiori si prospettano quelli per la nuova ristrutturazione, ma i centri costituirebbero uno dei pochi casi in Italia dedicati all'assistenza (sociale e sanitaria) di persone con gravi disabilità.

Vai all'inizio della pagina